La trombamica della vinicola

Se dovevo farmi una trombamica, non poteva che essere la commessa della vinicola

Appassionato di vini, frequentavo quella vinicola già da tempo, una delle migliori della città. Oltretutto la commessa era una bionda spettacolare, cosa che di certo non guastava. Anche l’occhio vuole la sua parte.
Lei sapeva della mia fama di donnaiolo e spesso ci scherzava su, ma la cosa si fermava lì.

Biondina sensuale con bicchiere di vinoUn giorno, con la scusa di farmi vedere dei vini appena arrivati, mi invita a scendere nella cantina del negozio. Chiude la porta alle sue spalle e in modo del tutto inatteso si accovaccia di fronte a me, mi apre lo zip dei pantaloni e inizia a farmi un pompino delizioso, mi lecca tutto il cazzo su e giù, lo succhia con avidità fin quando le sborro in bocca. Succhia e ingoia tutto, la porca. E mi ripulisce per bene il cazzo.

Erano mesi che volevo farlo, dice. Tu mi attrai molto, mi piace fare sesso per il piacere di farlo, per godere. Mi racconta di essersi iscritta sul portale trombamiche.net, perché le piace fare sesso con uomini diversi, vuole avere uomini che la scopino per bene, che la soddisfino, con cui fare sesso quando le pare senza avere l’impegno di un fidanzato. Se un giorno incontrerà un uomo che la farà innamorare si vedrà, ma per ora vuole solo divertirsi e fare sesso libero.

Io non credo alle mie orecchie, se non fosse che mi ha appena fatto un pompino penserei che mi sta prendendo in giro. Accetto con piacere la sua proposta di entrare a far parte del ristretto circolo dei suoi trombamici e per non farla andar via insoddisfatta, ricambio la sua cortesia. La faccio sedere su una botte di vino, le sfilo le mutandine e affondo la mia lingua fra le sue cosce.

Devo dire che da allora vado ancora più volentieri a comprarmi una buona bottiglia di vino…

Aforismi su donne, sesso e vino

Chi non ama le donne il vino e il canto,
è solo un matto non un santo.
Arthur Schopenhauer (1788 – 1860)

Predicar non val; matto è chi sprezza
l’allegrezza, le donne e il vecchio vino,
ché il meglio della vita è nell’ebbrezza.
Lord Byron (1788 – 1824)

Una donna e un bicchiere di vino soddisfano ogni bisogno,
chi non beve e non bacia è peggio che morto.
Johann Wolfgang von Goethe (1749 – 1832)

Il sesso non prospera nella monotonia. Senza sentimento, invenzioni, stati d’animo non ci sono sorprese a letto.
Il sesso deve essere innaffiato di lacrime, di risate, di parole, di promesse, di scenate, di gelosia,
di tutte le spezie della paura, di viaggi all’estero, di facce nuove, di romanzi,
di racconti, di sogni, di fantasia, di musica, di danza, di oppio, di vino.
Anaïs Nin (1903 – 1977)

Il miglior argomento in favore del vino, del tabacco,
del sesso e dei discorsi a vanvera
consiste nel fatto che ogni maggioranza cosiddetta morale li condanna.
Charles Simic (1938)

Cenai con un piccolo pezzo di focaccia,
ma bevvi avidamente un’anfora di vino;
ora l’amata cetra tocco con dolcezza
e canto amore alla mia tenera fanciulla.
Anacreonte (circa 570 a.C. – circa 485 a.C.)

E dove non è vino non è amore;
né alcun altro diletto hanno i mortali.
Euripide (480 a.C.- 406 ca. a.C.)

L’amore inespresso è come il vino tenuto
nella bottiglia: non placa la sete
George Herbert (1593-1633)

Ecco la felicità della vita,
Amore e vino ugualmente dobbiamo aver vicino.
Aleksandr Sergeevič Puškin (1799 – 1837)

L’amore tuo diffonde il suo vigore in tutto il mio essere, come un vino.
Paul Verlaine (1844 – 1896)

Il vino aggiunge un sorriso all’amicizia
ed una scintilla all’amore.
Edmondo de Amicis (1846 – 1908)

Io sono bellezza e amore;
io sono amicizia, tuo conforto;
io sono colui che dimentica e perdona:
lo spirito del vino.
William Ernest Henley (1849 – 1903)

Nadia e il Barolo

Donna nuda versa un bicchiere di vinoVoglio raccontarvi di Nadia, uso un nome di fantasia per ovvie ragioni di riservatezza, una brunetta che mi sono fatto l’altro giorno, una fantastica bottiglia di Barolo. No non mi sono scopato la bottiglia di barolo, ce la siamo bevuta assieme prima, durante e dopo. Perché donne e vino sono la mia passione e mi piace abbinare alle donne che mi porto a letto una bottiglia di vino adeguata. Ma andiamo per ordine.

Ero al bar dell’autostrada, di ritorno a casa, mentre sorseggio il mio caffè noto una brunetta che non mi toglie gli occhi di dosso. Deve avere una quarantina d’anni, qualcuno più di me, ma è uno di quei classici casi in cui con il passare degli anni si mantiene una notevole piacevolezza. Non giriamoci intorno, è un gran pezzo di figa, un bel bocconcino che con gli anni si è mantenuto delizioso. E da qui mi è venuta l’associazione mentale con il barolo.

Ma stiamo ai fatti, notato il suo sguardo interessato, mi avvicino e inizio a chiacchierare, una parola tira l’altra fin quando getto l’esca. Le dico che abito lì vicino e la invito a bere qualcosa da me. E in questi casi si direbbe il pesce ha subito abboccato, ma in realtà lei non stava aspettando altro che io gettassi l’esca, moriva dalla voglia di abboccare. Me ne rendevo conto dai movimenti del suo corpo, da come mi guardava negli occhi.

Ragazza con vinoArriviamo a casa e la faccio accomodare sul divano, continuiamo a chiacchierare e a scambiarci battute piccanti, apro la bottiglia di Barolo, come promesso, un’annata 2003 della Cantina Sociale di Clavesana, e dato che entrambi non abbiamo ancora cenato, dopo un paio di bicchieri siamo già allegri. Lei mi mette una mano sui pantaloni per saggiare la consistenza del cazzo che è già duro e si notava benissimo. Apre la cerniera e inizia a baciarmelo, a lubrificarlo con la lingua. Si mette in ginocchio tra le mie gambe, apre la camicetta e mi fa una spagnola da mille e una notte. Quando sente che il mio cazzo è già un pezzo di marmo si sfila rapida gonna e mutandine e mi cavalca, andando su e giù affamata di cazzo. Raggiunge l’orgasmo e stringe il mio membro con le pareti della figa, scende di nuovo e me lo succhia, poi completa la spagnola facendomi sborrare sulle sue tette.

Ancora con lo sperma che le cola sul corpo serve un’altro bicchiere di vino, lo beve tutto fino all’ultima goccia, si pulisce con un asciugamano, si riveste e se ne va, lasciandomi a terminare la bottiglia di vino il cui profumo si mescola all’odore della sua pelle che ancora pervade la stanza.

Il vino aumenta il desiderio sessuale

Vino e desiderio sessualeChe “il vino rosso fa buon sangue” lo sapevano già i nostri nonni, infatti sono note da tempo, e dimostrate scientificamente, le proprietà benefiche del vino rosso, se bevuto con moderazione, ovviamente.
Secondo uno studio condotto in Toscana pare però che il vino rosso faccia bene anche al sesso, soprattutto per le donne. Non solo perché un bicchiere di vino aiuta a liberare i freni inibitori e a lanciarsi quindi con più disinvoltura in sfrenate notti di sesso, ma, grazie ai polifenoli in esso contenuti, il vino aumenta il desiderio sessuale, in particolar modo nelle donne. I polifenoli infatti, uniti alla bassa quantità di alcool, che nel vino non supera mai il 15-20%, agiscono sui centri nervosi causando un rilassamento e un’azione disinibente e sull’apparato genitale femminile, provocando una maggiore lubrificazione della vagina e quindi un più intenso piacere sessuale.
Il vino inoltre, in quanto vasodilatatore, ha effetti benefici anche sull’uomo, quasi come un Viagra naturale, poiché favorisce il flusso sanguigno nei vari distretti, incluso l’organo sessuale.
Un ottimo motivo in più per bere un buon bicchiere di vino in compagnia della propria compagna per poi lanciarsi in una piacevole notte di sesso.

Cinzia e la danza della bottiglia

Avevo un’incredibile voglia di scopare ma in quel momento nessuna amica disponibile a soddisfare le mie voglie. E naturalmente nessuna fidanzata, non che non ne abbia l’opportunità, ma voglio essere libero di fare sesso con chi mi pare senza avere fra i piedi una che rompe, e siccome non mi va di raccontare balle e di dovermi arrampicare sugli specchi per inventare scuse improbabili per coprire le mie scappatelle, me ne resto felicemente single.

Donna nuda che beve un bicchiere di vinoDecido di cercare online, faccio una ricerca su Google e trovo sesso-occasionale.it, un nome che è un programma, direi che fa al caso mio. Il sito è ben fatto, ordinato, pulito, sembra affidabile e soprattutto a giudicare dalle foto presenti sul sito, gli utenti sono veri, ragazze normali, più o meno belle, ma autentiche. Perché è inutile andarsi a cacciare in quei siti di incontri dove ti promettono di farti scopare con delle modelle mozzafiato: o sono escort o sono utenti finti.

Dunque mi iscrivo e creo il mio profilo, inizio a guardare quali utenti sono online fra quelli che abitano dalle mie parti. Dopo qualche tentativo andato a vuoto una ragazza, Cinzia appunto, anche se non so se sia il suo vero nome, accetta di collegarsi in chat con me. La community online è composta da persone che cercano sesso casuale per cui senza tanti convenevoli iniziamo subito a parlare di sesso, di piacere e di fantasie erotiche. La conversazione diventa subito piccante, lei mi stuzzica, mi provoca, mi eccita, e io faccio lo stesso con lei. Le dico che mi ha fatto venire il cazzo duro e allora lei risponde che lo vuole vedere, e subito! Dalla chat passiamo al video e quando si collega vedo che ha indosso solo biancheria intima, e di quella molto sexy che lascia intravedere tutto. la sua mano si è insinuata sotto le mutandine, si sta masturbando, prima in modo discreto, poi sempre più sfacciatamente. Guarda il mio pene duro nella webcam e inizia ad ansimare, anche io incomincio a masturbarmi e veniamo praticamente allo stesso momento.

Dato che non abita molto lontano da me, decidiamo di combinare per incontrarci di persona, una vera maialina: dice che le è piaciuto il mio cazzo e vuole assaggiarlo di persona.

na boquinha da garrafa

Un’immagine della coreografia originale della canzone “Na boquinha da garrafa”15

Vado a cena da lei e dato il tipino frizzante porto una bottiglia di Lambrusco di Sorbara, mi piace abbinare le donne che incontro con una bottiglia di vino che rispecchi la loro personalità. Ma certo non potevo immaginare cosa avrebbe fatto con la mia bottiglia. La cene procede piacevole, ha messo della musica allegra e a un certo punto arriva quella canzone brasiliana che dice “na boquinha da garrafa”, cioè “sulla bocca della bottiglia”, a cui è abbinato un ballo molto provocante. Cinzia si alza, prende la bottiglia, la appoggia per terra in mezzo alla stanza e inizia a ballare. Si alza e si abbassa avvicinando le sue parti intime alla bocca della bottiglia, mimando un amplesso in cui sta cavalcando un bel cazzo. Solo che… maiala! è senza mutande! La porca! Si solleva la gonna facendomi vedere tutto di proposito, si abbassa e si infila il collo della bottiglia nella figa, lasciandovi colare sopra i suoi umori. Poi me la porge e dice “assaggia ora se il vino è più buono”. Non avevo mai visto fare sesso con una bottiglia a quel modo. Decisamente eccitato la prendo e bevo un sorso direttamente dalla bottiglia: che deliziosa miscela di aromi!

A questo punto però rilancio e le dico: “Ora voglio sentire se la tua fighetta sa di vino!”. Mi inginocchio di fronte a lei e gliela lecco fin quando non la sento urlare di piacere.

Poi mi fa stendere per terra, rimette la musica, solo che anziché danzare sulla bottiglia danza sul mio cazzo duro.

persone-dentro-una-vasca-piena-di-vino

Perche il vino rosso fà bene al sesso?

  1. Il vino rosso benefico alla salute ed al sesso.Il vino rosso oltre ad accompagnare piacevolmente i pasti delle persone, rendendoli ancora più gustosi, se assunto in dosi adeguate, può comportare notevoli benefici per la nostra salute e anche per il sesso della coppia.
  2. Possibili spiegazioni scientifiche del fenomeno.Foto sexy con vino protagonistaIl vino rosso, per le proprie caratteristiche, è capace di dilatare i vasi sanguigni favorendo, in questo modo, l’erezione. Inoltre, la sua composizione, ricca di polifenoli, fa davvero bene al sesso e soprattutto in riferimento al sesso femminile, rende la donna maggiormente disinibita e la aiuta a raggiungere l’orgasmo.
    Dunque, tra gli effetti positivi del vino va sicuramente annoverato anche il sesso.
  3. Le dosi consigliate: Esagerare comporta danni alla salute e al sesso.Sicuramente l’assunzione di vino rosso durante i pasti non deve essere spropositata. Berne troppo, innanzitutto, comporta un danno talvolta irreparabile dal punto di vista della salute, e dal punto di vista dell’attività sessuale, non può che diminuire il grado di piacevolezza e la durata del rapporto.
    L’incontro con il partner attraverso siti specializzati come L’isola del peccato rischierebbe così di non avvenire per niente o di essere davvero di durata limitata, provando poco piacere. Dunque, è assolutamente da evitare una grande abbuffata accompagnata da una massiccia assunzione di vino rosso: la giornata e le performance sessuali con il nostro compagno o compagna risentirebbero negativamente di tutto questo.
  4. Il vino rosso come aiuto naturale: piacevole al gusto e ottima soluzione per rendere il sesso magico.Come già detto in precedenza, il vino rosso, assunto in modo adeguato, è di grande aiuto sotto tanti punti di vista. Il suo effetto afrodisiaco, accompagnato comunque da una sana alimentazione, può regalare delle grosse soddisfazioni alla coppia.
    Nel territorio del nostro Paese vengono prodotti numerosissimi vini pregiati e caratteristici, provenienti da ogni zona. La scelta è davvero ampia ed ognuno può tranquillamente provare di volta in volta quello che soddisfa maggiormente il proprio palato.
    Accompagnare questo piacere con un buon sesso, può rendere il tutto magico.Ogni persona rispecchia ciò che mangia e ciò che beve: una sana alimentazione soddisfa la nostra salute ed anche i nostri piaceri.

Donne e vino, due piaceri della vita

L’amore dell’uomo per le donne e l’amato vino si riversa in centinaia di proverbi che attestano un rapporto a tre vie … che a volte prende strade … barcollanti. Vino, donne e amore dell’uomo in una relazione aperta e un finale imprevedibile che si gode, ovviamente, a piccoli sorsi.

Bella donna con bicchiere di vinoDel mosto reso alcolico, delle femmine e del maschio volere un proverbio popolare ha chiaramente racconta che ‘le donne e il vino tirano l’uomo dal tino’.

Un brindisi a diffondere la voce che “per tutte loro / perché sono più belle / perché hanno un bel culo largo e mostrano il collo stretto / perché ci danno le labbra disinteressate / anche se le coprono le ragnatele / per tutte loro / per le amate bottiglie” di vino, naturalmente.

La più nobile delle colture, si dice che il miglior vino deve avere tre caratteristiche di una bella donna: un buon colore, un buon naso e una buona bocca.

Altri proverbi vanno oltre e ritengono il vino e le donne come una questione di battaglia, come quello che dice che a hi ha una bella donna, casa sul confine e vino e vigna lungo la strada, non gli mancherà mai la guerra’. Una guerra che acceca la vista dell’uomo quando si fa notare che “per le donne e il vino, l’uomo erra il suo cammino”.

Del piacere per un buon vino e per il resto delle cose che ci intrattengono gli uomini mortali sono avvertiti che “le donne con i tessuti e l’uomo con la brocca, tutto è dispendioso”. Esagerato?

Sei Sicuro?. Per alcuni il vino e le donne hanno due facce, quando si canta che “l’amore per una puttana e una bottiglia di vino, son dolci al mattino e amare al pomeriggio”, o che “donne, vino e cavalli sono mercanzie dell’inganno”, che “la donne sposata è una vigna vendemmiata”, o che vigna e donna senza guardia, vendemmia è fatta” e quando si scommette perché “in vigna vendemmiata e in donna sposata, frugare aggrada sempre”.

Infine alcuni che celebrano la speranza nel vino che non delude quando le delusioni vengono dalle donne: “per il mal di donna e di letto, un bicchier di vino è il miglior materasso”.
Cosa si può volere di più? Sì, più vino e più donne! Salute!